< Torna all'indice

La sezione GESTIONE DATABASE consente all’utente di visualizzare e gestire le proprie anagrafiche. Questa sezione è suddivisa in due Macroaree:

GESTIONE DB B2B:

  • Anagrafiche utenti
  • Anagrafiche aziende
  • Anagrafiche aziende potenziali
GESTIONE DB B2C:

  • Anagrafiche utenti
All'interno di queste macroaree sarà quindi possibile gestire la proprie anagrafiche, tenendo in considerazione la seguente distinzione:

  1. Anagrafica aziende: raccoglie l’elenco delle aziende presenti nel database, nel caso in cui il mercato a cui ti rivolgi sia business to business. I tuoi clienti, infatti, sono le aziende stesse, e le anagrafiche ti permettono di gestire i contatti all’interno dell’azienda cliente.
  2. Anagrafica utenti: all’interno della quale si trova l’elenco dei clienti finali, nel caso in cui i clienti siano i consumatori finali. Le anagrafiche utente, in questo caso, rappresentano i tuoi clienti.
Nel mercato business to business quando si vanno a inserire le anagrafiche aziende occorre avere chiaro un concetto di fondo: la comunicazione viene fatta al soggetto all’interno dell’azienda cliente. In altre parole, se vogliamo comunicare all’azienda “X”, dovrò decidere il referente a cui mi voglio rivolgere: marketing, finanza, ufficio acquisti etc… Quindi è opportuno associare all’anagrafica aziende i contatti di riferimento. In questo modo si potrà filtrare la comunicazione, comunicando per esempio a tutti i responsabili marketing delle aziende con fatturato superiore a € 10.000.000 e che si trovano nelle regioni Piemonte e Lombardia. Per ciò che riguarda, invece, l'anagrafica aziende potenziali, questa sarà popolata dai contatti b2b acquistati tramite l'apposita sezione. Questi utenti del database, saranno trasferiti automaticamente nelle tabelle "Anagrafica aziende" e " Anagrafica utenti" solo nel momento decideranno di lasciare spontaneamente i loro dati durante una campagna potenziale di raccolta lead. Idealmente, quindi, il processo da seguire sarà il seguente:

  • Definire i ruoli aziendali utili alla segmentazione del target nella tabella ruoli all’interno della sezione impostazioni database.
  • Inserire le anagrafiche azienda.
  • Inserire le anagrafiche utenti per ogni contatto interno che abbiamo nell’azienda di riferimento e quindi associarla ad essa.
Tale impostazione permette di avere la massima flessibilità in termini gestionali, reportistici e di comunicazione futura anche in base alle evoluzioni del software. Per tutte le anagrafiche presenti (utenti B2C, aziende B2B, utenti aziende B2B e aziende B2B potenziali,) è possibile utilizzare un filtro per facilitare le ricerche.

SISTEMA DI FILTRO DELLE ANAGRAFICHE

Ogni anagrafica contiene diversi filtri per effettuare ricerche approfondite del database, ovvero:

Utenti B2C

  • Nome
  • Cognome
  • Paese
  • Regione
  • Provincia
  • E-mail
  • Tipologia
  • Sesso
  • Fascia età
  • Id gest
  • Interessi macro
  • Interessi micro
  • Sato civile
  • Titolo di studio
  • Professioni
  • Fonte Macro
  • Fonte Micro
  • Cellulare
  • Strumento disattivato
Aziende B2B

  • Nome Azienda
  • Paese
  • Regione
  • Provincia
  • E-mail
  • Id gestionale
  • Settore Macro
  • Settore Micro
  • Fonte macro
  • Fonte micro
  • Tipologia
Utenti Aziende B2B

  • Nome
  • Cognome
  • Azienda
  • E-mail
  • Id gestionale
  • Ruolo
  • Settore Macro
  • Settore Micro
  • Strumento disattivato
Aziende potenziali

  • Nome Azienda
  • Paese
  • Regione
  • Provincia
  • Settore Macro
  • Settore Micro
  • Fonte macro
  • Fonte micro
  • E-mail
VISUALIZZAZIONE DELLE ANAGRAFICHE

Tutte le anagrafiche del database appaiono in ordine alfabetico per cognome e nome; in caso di assenza di queste variabili, saranno ordinate in ordine alfabetico secondo l’indirizzo e-mail; se nello stesso database sono presenti sia anagrafiche con cognome e nome e sia anagrafiche con il solo indirizzo e-mail, l’ordinazione alfabetica darà la precedenza a quest’ultime.
Nella parte alta della videata comprendente tutte le anagrafiche, inoltre, vi è un sistema di filtro per lettera alfabetica, che ti permetterà di visualizzare solo gli utenti il cui Cognome inizia, per esempio, con la lettera F.

MODIFICHE MASSIVE SULLE ANAGRAFICHE

Dalla sezione di visualizzazione completa delle anagrafiche è possibile compiere alcune modifiche in maniera massiva per blocchi di anagrafiche. Per farlo è necessario seguire i seguenti passi:

  • Selezionare le anagrafiche che si intende modificare in maniera massiva (tramite casella di check predisposta alla sinistra dell'anagrafica)
  • Scegliere la modifica desiderata dalla tendina in alto a sinistra,
Le opzioni a disposizione, ovvero quelle per cui è permessa una modifica massiva, sono:

  • Elimina contatto: cancellerà definitivamente il contatto dal rispettivo database.
  • Abilita Email o Disabilita Email: inibirà (o riattiverà) le anagrafiche selezionate a ricevere le successive comunicazioni via email.
  • Abilita SMS o Disabilita SMS: inibirà (o riattiverà) le anagrafiche selezionate a ricevere le successive comunicazioni via SMS.

Impostazione database




Prima di iniziare a inserire le anagrafiche ed avviare una campagna, al fine di sfruttare il massimo potenziale, consigliamo di impostare le tabelle utili alla segmentazione del target. Tali tabelle si trovano nella scheda GESTIONE DATABASE, all’interno della sezione impostazione database. Le tabelle in cui è possibile impostare le variabili, si suddivisono come segue:

IMPOSTAZIONI B2C:

  • Professione
  • Stato civile
  • Interessi macro
  • Interessi micro
  • Tipologia utente
IMPOSTAZIONI B2B:

  • Ruolo Aziendale
  • Settore azienda macro
  • Settore azienda micro
  • Linee prodotti
  • Dettaglio prodotti
  • Servizi
  • Dettaglio servizi
  • Tipologia azienda
IMPOSTAZIONI COMUNI:

  • Fonte Micro (da assegnare partendo da una delle Fonti Macro predefinite)
  • Titolo di studio
  • Tipologia fonte form permanente
  • Tipologia richieste form permanente
  • Dettaglio registrazione

Da tale elenco si possono denotare le possibili future opzioni di segmentazione del target obiettivo di campagna. Ad esempio, lo stato civile mi permetterà di indirizzare la comunicazione ad un target sposato piuttosto che celibe o a entrambi. La professione mi permetterà di segmentare per tipologia di lavoro svolto e così via.

Se l’intenzione è quella di definire le varianti del titolo di studio, ad esempio, un’azienda potrebbe prevedere le seguenti:

  • Licenzia media inferiore
  • Licenzia media superiore
  • Laurea
  • Master
  • Dottorato di ricerca
  • Etc...

Un’altra azienda, invece, con diverse esigenze di comunicazione potrebbe optare per la seguente impostazione:

  • Licenzia media inferiore
  • Licenzia media superiore
  • Laurea in medicina
  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Laurea in Ingegneria meccanica
  • Etc...

Le due ipotesi di impostazione sopra esposte, sono ugualmente corrette, perché sarai tu impostarle secondo le tue esigenze di segmentazione. In altre parole se l’esigenza è quella di impostare una segmentazione per tipologia di titolo di studio la prima sarà quella più corretta, mentre se l’esigenza fosse quella di segmentare per tipologia di laurea la scelta dovrebbe ricadere sulla seconda.

ATTENZIONE: questo momento rappresenta la fase più importante per gestire al meglio le tue campagne, per cui ti consigliamo di ragionare bene sulle varianti possibili per ogni tabella. Per variante si intende la variabile di segmentazione che si desidera inserire in ogni tabella.

Per impostare le variabili basta cliccare sul simbolo della matita a fianco di ogni tabella. All’apertura della pop-up è possibile decidere se:

  • Aggiungerne una nuova
  • Modificarne una esistente
  • Cancellarne una esistente

Nel caso in cui abbiate impostato le tabelle e poi dopo diversi mesi decidiate di modificare o nominare in maniera differente una variante, è possibile farlo, ma è un’operazione che sconsigliamo vivamente.

Le varianti per tabella non hanno limiti e possono essere impostate direttamente da chi gestisce l’account. Questo fa di Sendero un sistema unico ed estremamente flessibile alle esigenze del cliente.

IMPOSTAZIONI SINCRONIZZAZIONE E-COMMERCE

  • Canale di vendita
Tale campo del database sarà necessario nel momento in cui si decide di effettuare una sincronizzazione tra il database di Sendero e il tuo ecommerce. Potrai infatti definire il luogo web o fisico dove si è concluso l'acquisto dei tuoi prodotti/servizi e di utilizzare tale dato per affinare il targeting delle successive campagne.Tale variabile può essere definita a due livelli:

  1. Canale di vendita Macro: è possibile scegliere tra 4 variabili predefinite, ovvero:
    • E-commerce
    • Punto vendita
    • Telefono
    • Posta
  2. Canale di vendita Micro: possono essere scelti liberamente dall'utente e devono essere obbligatoriamente associati ad un "Canale di vendita Macro". Esempio:
    • Canale di vendita Macro: E-commerce
    • Canale di vendita Micro: Sito web
    • Canale di vendita Micro: Landing page

Come popolare le anagrafiche

All’interno della sezione GESTIONE DB è possibile modificare e integrare l’elenco delle anagrafiche. Qualunque sia il database che andremo a popolare (B2C o B2B) le opzioni operative saranno le seguenti:

  • INSERIMENTO MANUALE
  • IMPORTAZIONE DATI
  • SINCRONIZZAZIONE GESTIONALE
  • WEB SERVICES
  • ACQUISTO DI ANAGRAFICHE (SOLO B2B)
  • ACQUISTO DI LEAD (SOLO B2C)

Inserimento Manuale




La prima modalità per l'inserimento di nuove anagrafiche, o per l'aggiornamento di quelle esistenti, è l'inserimento manuale. All'interno delle diverse anagrifiche sono presenti tre pulsanti, “inserisci”, “modifica” e “cancella”, che consentono rispettivamente di inserire manualmente una per volta nuove anagrafiche, di modificare alcune voci oppure di cancellare definitivamente l’anagrafica utente. Per modificare determinate anagrafiche è sufficiente cliccare sull’icona a forma di matita per modificare la relativa voce; per eliminare una anagrafica invece basterà selezionare l’icona a forma di X.

Importazione dati



Tramite la procedura di importazione è possibile importare in Sendero dati provenienti da database esterni. Per farlo è necessario compilare correttamente il file .xls pre-impostato che sarà possibile scaricare all'interno della sezione GESTIONE DB ----> ANAGRAFICHE ----> IMPORTA cliccando infine su SCARICA IL FILE PREIMPOSTATO. Il file .xls scaricato differirà a seconda della tipologia di anagrafica trattata B2C, aziende B2B, utenti aziende B2B o aziende B2B potenziali).



Il file .xls scaricato conterrà diversi fogli, ovvero:

1)     FILE IMPORTAZIONE

E’ il foglio che utilizzerai per l’esportazione finale del database in formato .csv. I dati che sarà necessario inserire all’interno di questo foglio potranno essere di tre tipi:

  • Alfabetici
  • Alfa - Numerici
  • Numerici
L’intestazione di ciascun campo del file conterrà il tipo di dato richiesto ed altre informazioni aggiuntive per la corretta compilazione del dato, inserite come commento all’interno della cella stessa.

2)     ID PAESE

E’ la Lista dei Paesi del mondo con il corrispettivo ID numerico da sostituire nel foglio file_importazione in corrispondenza del campo paese

3)     ID REGIONE

E’ la Lista delle regioni del mondo con il corrispettivo ID numerico da sostituire nel foglio file_importazione all’interno del campo regione

4)     ID PROVINCIA

E’ la Lista delle province del mondo (denominazione sia estesa che breve) con il corrispettivo ID numerico da sostituire nel foglio file_importazione all’interno del campo provincia.

5)     LISTA COMUNI ITALIANI

E’ la lista dei comuni italiani, con le rispettive province e regioni, sia a livello alfabetico che con ID numerico.

6)     ID SETTORE MACRO e ID SETTORE MICRO

Questi fogli sono presenti solo nel caso di anagrafiche B2B. Qui andranno inseriti i valori del database relativi ai settori macro e micro, scaricabili dopo aver personalizzato le impostazione del database.  (vedi sotto COME OTTENERE GLI ID NUMERICI DEI CAMPI NON GEOGRAFICI)

7)     OTTIENI ID PAESE DA LISTA

Permette  di ottenere velocemente i corrispettivi ID numerici da inserire nel foglio file_importazione all’interno del campo paese.

8)     OTTIENI ID REGIONE DA LISTA

Permette di ottenere velocemente i corrispettivi ID numerici da inserire nel foglio file_importazione all’interno del campo regione.

9)     OTTIENI ID PROVINCIA DA LISTA

Permette di ottenere velocemente i corrispettivi ID numerici da inserire nel foglio file_importazione all’interno del campo provincia. E’ possibile utilizzare lo strumento sia che tu abbia le province con denominazione estesa (es. Milano) sia che tu abbia la denominazione breve (.es Mi). La generazione del codice ID della provincia, in questo foglio, genererà automaticamente anche l’ID numerico della regione. Questo potrà esserti utile nel caso tu abbia solo il dato della provincia ma non quello della regione.

10)  OTTIENI ID PRO-REG-CAP DA CITTA

Permette di ottenere gli ID delle province e delle regioni, a partire da un comune. Questo risulterà utile nei casi in cui non possiedi i dati ne della provincia ne della regione, ma solo quello del comune.

11)  OTTIENI ID SETTORE MACRO-MICRO

Permette di ottenere gli ID numerici da inserire nei campi settore macro e settore micro. A differenza degli altri fogli di ottinimento ID,dove basterà inserire la label testuale per vedersi restituire i rispettivi ID sfruttando i fogli , questo foglio funzionerà solo se avrai precedentemente riempito i campi dei foglio ID SETTORI MACRO e ID SETTORI MICRO. I Campi di settore sono gli unici ID non geografici per cui è stato predisposto lo strumento di ottinimento ID da liste, essendo probabile la situazione in cui, soprattutto per i database acquistati (aziende potenziali B2B), vi possano essere centinaia di settori differenti che sarebbero molto lunghi da assegnare manualmente nel relativo campo ID.

Nel caso in cui i fogli per l’ottenimento dei codici id restituiscano il valore #ND, significa che non c’è corrispondenza esatta tra comune/provincia/regione/paese denominati nel tuo database e quelli dei fogli nel file.xls. In tal caso ti basterà modificarne uno dei due affinchè abbiano la stessa sintassi ed il valore si aggiornerà in tempo reale da #ND al corretto codice ID.
COME OTTENERE GLI ID NUMERICI DEI CAMPI NON GEOGRAFICI

Vi sono campi ID del database che non sono preimpostati, ma bensì si andranno a generare solo ed esclusivamente se inseriti come variabile di targeting nell‘impostazione del database.

Tali campi sono:

Utenti B2C

  • professione
  • stato civile
  • titolo di studio
  • interesse macro
  • interesse micro
  • tipologia
  • fonte macro
  • fonte micro
Aziende B2B (db proprietario o  acquistato)

  • settore macro
  • settore micro
  • servizio macro
  • servizio micro
  • prodotto macro
  • prodotto micro
  • tipologia
  • fonte macro
  • fonte micro
Utenti Aziende B2B

  • titolo di studio
  • ruolo aziendale
Tali campi non sono preimpostati per dare totale libertà di gestione a livello di denominazione e gerarchizzazione delle variabili. Gli ID relativi (che saranno resi disponibili per il download solo dopo aver inserito una o più variabile nelle impostazioni del database), possono essere prelevati all'interno della sezione GESTIONE DB ----> ANAGRAFICHE (B2C, B2B o potenziali) ----> IMPORTA cliccando infine su SCARICA I VALORI DEL DATABASE. All’interno del file .zip scaricato, saranno presenti tutti i fogli contenenti i valori ID del database, compresi quelli a livello geografico già presenti nel file preimpostato per l’importazione.



LINEE GUIDA PER LA FORMATTAZIONE DELLE CELLE

All'interno del file CSV, in fase di data entry, è necessario fare molta attenzione ai seguenti dettagli:

  • Non inserire Virgole ','
  • Non inserire Punti e virgole ';'
  • Non inserire Virgolette '"'
  • Non inserire Parentesi '[()]' (tonde o quadre)
  • Non inserire spazi vuoti all’inizio o alla fine delle celle.
  • Nei campi numerici (cap, e telefono) non inserire tra i numeri spazi (“ “), trattini (“-“) o slash (“/”)
  • Se un campo è obbligatorio, ma non si ha il dato a disposizione, inserire il carattere numerico zero (“0”). Nel caso specifico dei campi nome e cognome potrai utilizzare anche denominazioni fittizie, come ad esempio “nome”  “cognome” oppure “Gentile” “Azienda”.
Di seguito alcuni consigli per velocizzare l’attività di controllo su queste linee guida una volta terminato l’inserimento dei dati:

  • Utilizza la funzione “Trova e Sostituisci” di Excel per eliminare i caratteri non consentiti come virgole, punti e virgola, virgolette, etc…
  • Utilizza la funzione “Filtro” di Excel su ciascuna colonna per assicurarti che non vi siano celle vuote nei campi obbligatori e che non vi siano spazi vuoti, trattini o slash nei campi cap e numero di telefono.
Puoi scaricare un esempio di file. xls per anagrafiche utenti B2C preimpostato correttamente (e dove sono stati utilizzati i fogli per l’ottenimento ID da lista) al seguente link. Tale file è consultabile solo a titolo di esempio e non dovrà essere caricato sul tuo database.
COME ESPORTARE IL FILE IN FORMATO .CSV

Una terminata la fase di inserimento e controlla, sarà necessario esportare del file .xls preimpostato, il file .csv compatibile con l’importazione dei dati su Sendero. Per esportare il file .csv segui i seguenti passaggi:

  • Posizionati sul foglio “file_importazione” del file .xls preimpostato
  • Nel menù di Excel seleziona FILE ----> ESPORTA ----> CAMBIA TIPO DI FILE ----> CSV
  • Infine clicca su “Salva con nome” e assegna un nome al file da importare.
Al salvataggio riceverai il seguente messaggio:



Clicca su “OK”. Successivamente ne riceverai un altro, ovvero:



Clicca su “Sì”

Se volessi fare modifiche ai dati inseriti, ricordati di farle sempre a partire dal file .xls preimpostato, e di riesportare successivamente il file in formato .csv. Questo perché riaprendo direttamente il file .csv per fare le modifiche si perderebbero tutti i caratteri numerici “0” (zero) nel caso siano il primo carattere di una cella.
Il Passo finale consiste nel caricamento del file .csv sulla piattaforma Sendero. Per Farlo segui i seguenti passi:

  • GESTIONE DB ----> ANAGRAFICHE (B2C, aziende B2B, utenti aziende B2B o aziende potenziali B2B) ----> IMPORTA cliccando infine su “scegli file”, selezionando il file .csv appena creato. Infine, clicca su CARICA.


Se l’importazione sarà andata a buon fine riceverai il seguente messaggio:



Le voci di cui ti dovrai preoccupare all’interno di tale report di importazione sono:

  • Importati come nuovi: vuol dire che l’email legata all’anagrafica importata non era precedentemente presente nel database:
  • Aggiornati esistenti: significa che l’email legata all’anagrafica importata era già presente nel database e che ha subito un aggiornamento di uno o più dati.
  • Non importati: se questo numero è > 0 significa che un campo obbligatorio presenta celle vuote, non permettendo la scrittura del dato a database, oppure che contengono caratteri speciali non consentiti. In tal caso ricontrolla i dati inseriti nel file di importazione.
Poichè il peso massimo del CSV consentito è di 1,5Mb, prima di effettuare l'operazione, assicurati che il tuo file rispetti tale limite; verrai in ogni modo avvisato dal sistema qualora il tuo file superi le dimensioni indicate. Qualora tu debba importare un file CSV superiore ad 1,5Mb ti consigliamo di dividerlo in file più piccoli e di procedere a più importazioni.
NOTE PER IMPORTAZIONE DATABASE B2B PROPRIETARI

Per importare un database proprietario di Aziende è necessario importare due files preimpostati diversi, il primo scaricabile dalla sezione GESTIONE DB B2B ----> ANAGRAFICHE AZIENDE  ----> IMPORTA . Il secondo è scaricabile invece da GESTIONE DB B2B ----> ANAGRAFICHE UTENTI  ----> IMPORTA

L’importazione dei due files deve essere fatta tassativamente in questo ordine: prima l’anagrafica aziende B2B e solo successivamente l’anagrafica utenti aziende B2B. Questa distinzione dei due database, permetterà di poter effettuare comunicazioni focalizzate solo su determinate aree aziendali (marketing, amministrazione, comunicazione, finanza, etc..) o determinati ruoli.

Di seguito alcuni accortezze da seguire per il popolamento alcuni campi del file preimpostato sugli utenti delle aziende B2B (il 2° in ordine di caricamento):

  • Campo azienda: deve coincidere esattamente con il dato presente nel campo ragione sociale del file preimpostato delle aziende (il 1° in ordine di caricamento). Diversamente il sistema non assocerà l’anagrafica utente all’azienda di appartenenza. Per evitare errori, ti consigliamo di copiare e incollare i dati del campo ragione sociale del foglio aziende B2B all’interno del campo azienda del foglio utenti aziende B2B.
  • Campo ruolo aziendale: è stato pensato per effettuare comunicazioni solo verso i referenti che potresti avere all’interno delle diverse aziende clienti. Nel caso tu ritenga non necessaria o fattibile tale differenziazione, allora ti consigliamo di compilare tale campo sempre con il dato “si”.
  • Campi Nome e Cognome: potrebbe capitare che il tuo database proprietario delle aziende non disponga di indirizzi legati ai singoli referenti, ma solo di indirizzi generici (del tipo info@azienda.it). In tal caso, essendo sia il caricamento del file che i due suddetti campi al loro interno obbligatori, potresti adottare la seguente soluzione (è una proposta, poi hai la massima libertà sul come nominarli: nel campo nome inserirai la dicitura “Gentile” mentre nel campo cognome, inserirai lo stesso dato presente nel campo azienda. Il mittente, in questo modo, vedrà come destinatario dell’email recapitata Gentile xxxxxxx S.r.l.
CHECKLIST PER L’IMPORTAZIONE TRAMITE .CSV

Riassumendo quanto detto per l’importazione tramite .CSV facciamo una breve checklist delle attività necessarie:

  • Impostare nel database i campi ID di natura non geografica
  • Scaricare il file .XLS preimpostato dell’anagrafica di riferimento (se B2B ricordati che devi scaricare sia l’anagrafica aziende B2B che l’anagrafica utenti aziende B2B
  • Popolare i campi del foglio .XLS file_importazione aiutandosi con gli strumenti di ottenimento ID automatici.
  • Controllare che il file rispetti le linee guida aiutandosi con le funzioni trova e sostituisci e filtro di Excel.
  • Esportare, dopo esseri posizionati nel foglio file_importazione la versione in formato .CSV
  • Caricare il file nella sezione di importazione anagrafiche di riferimento.
  • Se vi saranno indirizzi non importati, controllare il file .XLS, modificarlo, e riesportare il formato .CSV

Sincronizzazione gestionale

Sendero offre la possibilità di sincronizzare il database con un qualsiasi gestionale utilizzato dalla società cliente. La sincronizzazione può avvenire sia tramite ID del gestionale, sia tramite l’indirizzo email. L’inserimento di almeno una di queste due variabili è la condizione necessaria per una corretta sincronizzazione col database di Sendero. Il vantaggio di poter sincronizzare sia tramite ID gestionale che tramite email è quello di essere elastici e di permettere la sincronizzazione anche a coloro che non hanno un vero e proprio id_gestionale, ma che hanno comunque la necessità di sincronizzare il loro database. Un vantaggio evidente di sincronizzare tramite ID gestionale sta nel fatto che posso sincronizzare ANCHE l’indirizzo email dell’utente nel caso questo sia cambiato insieme ad altri dati. Se sincronizzo solo tramite email, invece, nel caso questa cambi nel tempo il sistema vedrà la nuova sincronizzazione successiva come un nuovo utente e non come un aggiornamento di un utente esistente. Quindi si consiglia di sincronizzare, qualora possibile, sempre con l’id_gestionale. I passi per effettuare la sincronizzazione sono i seguenti:

  • Accedere alla scheda anagrafica utente/azienda e cliccare sul pulsante "SINCRONIZZA"
  • Cliccare sul pulsante "SCARICA IL FILE XML PREIMPOSTATO" e scaricare il files .xml


Il file scaricato avrà la seguente struttura:
Di seguito elenchiamo una serie di suggerimenti per la creazione del file .xml:

      • "idgestionale"= Qui andrà inserito l'identificativo del record esattamente com'è sul gestionale del cliente.
      • "paese,regione,provincia,professione, statocivile, titolodistudio e fonte": in questi campi dovrà essere inserito il codice del valore del database che è possibile scaricare dalla scheda "importa" nelle anagrafiche aziende/utenti.
      • Nel caso tu non possieda un dato obbligatorio non eliminare il tag ma lascialo vuoto (aperto e chiuso). Nel caso particolare del nome e cognome in mancanza del dato potresti inserire una stringa standard secondo la tua convenzione (es. Anonimo, Utente, Nome, ecc…)
L'xml creato dovrà essere caricato su un server accessibile dall'esterno. Una volta caricato sul server, sarà necessario importarlo su Sendero incollando il link di origine del file nell'apposito campo e cliccare su "SINCRONIZZA":

Web Services

Sendero mette a disposizione appositi web services per l’inserimento delle anagrafiche b2c da form di raccolta dati non creati su Sendero (ma presenti su siti esterni), piuttosto che da un software (Gestionale, CRM, E-Commerce, etc..)

La seguente parte di Guida è destinata ai programmatori!
Il Web Service Sendero permettono l’utilizzo in SOAP e in REST. SOAP è un protocollo per lo scambio di messaggi tra componenti software e si basa sul metalinguaggio XML con una struttura che segue la configurazione Head-Body. Le proprietà dell’interfaccia vengono dichiarate nel documento WSDL (Web Service Definition Language) reperibile al seguente URL:

http://ACCOUNT-CLIENTE.sendero.it/webservices/soap/server/soap_server.php?wsdl

Il web service espone i metodi da chiamare per effettuare le operazioni sulle anagrafiche B2C.

REST è un tipo di architettura software per i sistemi distribuiti e descrive l'interfaccia che trasmette dati su HTTP. L’endpoint da utilizzare è reperibile al seguente URL:

http:// ACCOUNT-CLIENTE.sendero.it/webservices/rest/setSenderoAnagraficaB2C.json

Per utilizzare il web service occorre autenticarsi con le credenziali del proprio account Sendero (il tipo di autenticazione è di tipo AUTHENTICATION_BASIC).

Per inserire un'anagrafica in Sendero occorre utilizzare il metodo “setSenderoAnagraficaB2C” che accetta i seguenti parametri in ingresso:

IDgestionale' => rappresenta l'ID gestionale dell'utente, il dato è di tipo stringa
'nome' => rappresenta il nome dell'utente, il dato è di tipo stringa
'cognome' => rappresenta il cognome dell'utente, il dato è di tipo stringa
'indirizzo' => rappresenta l'indirizzo dell'utente, il dato è di tipo stringa
'cap' => rappresenta il cap dell'utente, il dato è di tipo stringa
'paese' => rappresenta il paese dell'utente, il dato è di tipo ID
'paeseiso' => rappresenta il paese in formato ISO dell'utente, il dato è di tipo stringa
'email' => rappresenta l'email dell'utente, il dato è di tipo stringa
'telefonofisso' => rappresenta il telefono fisso dell'utente, il dato è di tipo int
'telefonocellulare' => rappresenta il telefono cellulare dell'utente, il dato è di tipo int
'citta' => rappresenta la città dell'utente, il dato è di tipo stringa
'regione' => rappresenta la regione dell'utente, il dato è di tipo ID
'regioneiso' => rappresenta la regione in formato ISO dell'utente, il dato è di tipo stringa
'provincia' => rappresenta la provincia dell'utente, il dato è di tipo ID
'provinciaiso' => rappresenta la provincia in formato ISO dell'utente, il dato è di tipo stringa
'datanascita' => rappresenta la data di nascita dell'utente, il dato è nel formato data gg/mm/aaaa
'sesso' => rappresenta il sesso dell'utente, il dato è di tipo stringa
'codicefiscale' => rappresenta il codice fiscale dell'utente, il dato è di tipo stringa
'professione' => rappresenta la professione dell'utente, il dato è di tipo ID
'statocivile' => rappresenta lo stato civile dell'utente, il dato è di tipo ID
'titolodistudio' => rappresenta il titolo di studio dell'utente, il dato è di tipo ID
'tipologia' => rappresenta la tipologia dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro1' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro1' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro2' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro2' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro3' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro3' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro4' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro4' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro5' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro5' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro6' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro6' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro7' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro7' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro8' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro8' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro9' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro9' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmacro10' => rappresenta l'interesse macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'intmicro10' => rappresenta l'interesse micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemacro1' => rappresenta la fonte macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemicro1' => rappresenta la fonte micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemacro2' => rappresenta la fonte macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemicro2' => rappresenta la fonte micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemacro3' => rappresenta la fonte macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemicro3' => rappresenta la fonte micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemacro4' => rappresenta la fonte macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemicro4' => rappresenta la fonte micro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemacro5' => rappresenta la fonte macro dell'utente, il dato è di tipo ID
'fontemicro5' => rappresenta la fonte micro dell'utente, il dato è di tipo ID

Solo i parametri nome, cognome e paese (paese ID o paese ISO) sono obbligatori per la corretta riuscita dell'inserimento dell'anagrafica.

I valori di tipo ID sono gli indici numerici di Sendero ed è possibile scaricarli dalla sezione GESTIONE DB ----> ANAGRAFICHE ----> IMPORTA.

I codici ISO del paese, della regione e della provincia sono nel formato 3166-2 (http://en.wikipedia.org/wiki/ISO_3166-2:IT).

Il metodo utilizzato, in caso di successo, restituisce un intero che rappresenta l'ID dell'utente salvato all'interno della piattaforma. In caso di errori durante l'utilizzo del web service vengono restituiti dei messaggi di errore per comprendere meglio il problema.

Acquistare anagrafiche B2B

Sendero mette a disposizione dei suoi clienti un ricco database di anagrafiche B2B, sulle quali svolgere campagne email per azioni di marketing specifiche. Prima di vedere come funziona il processo di acquisto di tali anagrafiche è importante fare una premessa riguardante la differenza tra affittare/noleggiare una lista di indirizzi e acquistarla definitivamente. In particolare è bene prendere in considerazioni:

  • Differenze nel trattamento del dato secondo le norme vigenti sulla privacy
  • Vantaggi e svantaggi di una soluzione rispetto all'altra

TRATTAMENTO DEL DATO

Nel caso decideste di AFFITTARE una lista di indirizzi, dovete essere consapevoli che il mittente dell'email risulterà la società che vi sta affittando la lista, in quanto soggetto che ha raccolto il consenso all'invio di offerte commerciali, anche da terze parti. Su tale lista potrete effettuare solo una campagna Nel caso invece decidiate di ACQUISTARE una lista di anagrafiche B2B, diverrete i proprietari di una lista senza il consenso al trattamento del dato per l'invio di offerte commerciali in quanto raccolta da elenchi telefonici e/o altri elenchi pubblici, da materiale pubblicitario, da indagini di mercato e da banche dati acquisite da terzi.. Potrete quindi inviare email di presentazione della vostra azienda, di un prodotto piuttosto che l'invito ad un evento. L'importante è che nel contenuto della DEM non si parli di offerte, sconti, prezzi, etc. Rispettando questo vincolo potrete effettuare un numero illimitato di campagne email.

 Il nostro consiglio è quello di utilizzare l'acquisto di una lista B2B come punto di partenza per lo sviluppo di una lista profilata proprietaria, munita di consenso all'invio di offerte commerciali. Per farlo potreste impostare una campagna di permission marketing con una DEM di presentazione che manda ad una landing pagein cui richiedete, tramite l'inserimento dell'email in un campo di registrazione, il permesso all'invio di comunicazioni commerciali.
Quando inviate una DEM agli indirizzi acquistati tramite la piattaforma sendero, è necessario inserire nel piede dell'email la seguente informativa: "Informativa art. 13 d.lgs. 196/2003: xxxxxxxxxxx S.r.l. - Titolare del trattamento - ha estratto i vostri dati ( Ragione Sociale, indirizzo, telefono, fax se presente, indirizzo e-mail se presente) da elenchi telefonici e/o altri elenchi pubblici, da materiale pubblicitario, da indagini di mercato e da banche dati acquisite da terzi. I dati personali in oggetto verranno utilizzati esclusivamente da xxxxxxxxxxxx e dai suoi incaricati nell'ambito di ricerche di mercato, comunicazioni a vario titolo e per operazioni di permission marketing. Il trattamento e la conservazione dei dati personali raccolti sono attuati adottando misure tecniche, procedurali ed organizzative finalizzate al rispetto della loro riservatezza. L'interessato ha la possibilità di esercitare i diritti espressi nell'art.7 del d.lgs. 196/03 fra i quali si ricorda, ad esempio, il diritto a richiedere la conferma dell'esistenza o meno dei dati personali che lo riguardano, nonché l'aggiornamento, la rettifica, la cancellazione oppure, qualora vi abbia interesse, l'integrazione degli stessi."

QUANDO AFFITTARE UNA LISTA PIUTTOSTO CHE ACQUISTARE UN DATABASE DI ANAGRAFICHE

La scelta se affittare o acquistare un database di anagrafiche risiede nell’obiettivo che si vuole raggiungere. In altre parole se il nostro obiettivo è di tipo strategico ossia costruire una base dati duratura nel tempo a seconda del settore merceologico di riferimento, la scelta dell’acquisto è da preferire all’affitto per i seguenti motivi:

  • Abbattimento e minore costo nel medio – lungo periodo.
  • Completezza del dato: quando si acquistano i database l’anagrafica viene venduta completa ovvero con i seguenti dati: denominazione sociale, indirizzo, cap , città, telefono e fax (se disponibili), e-mail e settore merceologico.
  • Sviluppo di azioni più articolate e complesse, come ad esempio invio di email di presentazione dell’ azienda o dei  prodotti/servizi a cui segue un recall lefonico. Altro esempio può essere l’invio di email per l’invito ad un evento, con l’inserimento di un modulo di registrazione su una landing page che permetta, previa registrazione, di modificare nel database lo “status” dell’azienda da potenziale a contatto, con la raccolta specifica anche della persona di riferimento.
  • Con l’acquisto della base dati si ha sempre il polso della situazione, con la possibilità di vedere nel tempo i risultati che stanno portando. Ad esempio: la DEM di primo contatto quante registrazioni mi ha portato? Quale settore o mercato geografico è stato più reattivo?
Mentre se il nostro obiettivo è di breve periodo, ad esempio abbiamo l’obiettivo di vendere un prodotto, allora va bene un approccio con affitto lista, per i seguenti motivi:

  • Minore coste nel breve periodo.
  • Messaggio più efficace, nel primo invio, per azioni promozionali specifiche.

VANTAGGI E SVANTAGGI

La scelta di acquistare il database o affitarlo per campagne spot presenta vantaggi e svantaggi che andiamo a riassumere nella seguente tabella:

ACQUISTO LISTE AFFITTO LISTE
Invio di offerte commerciali NO SI
Presentazione prodotti o servizi SI SI
Investimento iniziale MEDIO-BASSO MEDIO-ALTO
Tipologia di azione Strategica Operativa
Costo dell'investimento nel medio periodo Basso Alto
Campagne effettuabili con la lista Infinite Una
Identificazione del mittente La tua società La società da cui affittate la lista
Completezza del dato Tutta l'anagrafica Solo email

Fatta la doverosa premessa di cui sopra vediamo come Sendero preveda la possibilità di acquistare direttamente dal proprio account delle anagrafiche aziendali (B2B) suddivise per categoria, con l'obiettivo di impostare delle campagne email. Per farlo è necessario cliccare sull'etichetta in home page "Anagr. aziende potenziali" e successivamente, una volta entrati nell'area apposita, sul pulsante "Acquista"



Una volta entrato avrai la possibilità di acquistare anagrafiche B2B suddivise per Macro e Micro settori. Per procedere alla selezione delle categorie aacquistabili, premi su "Aggiungi settore" e comparirà una riga di selezione formata da 4 tendine a scelta, dove a sinistra imposterai le categorie così come disponibili sul database di anagrafiche che è possibile acquistare, mentre a destra potrai associare Macro e Micro ai rispettivi campi da te definiti nel database. Vediamo un esempio nell'immagine sotto:



Nalla prima riga ho deciso di acquistare una lista di contatti di "Pensioni", ovvero un microsettore che all'interno del database di indirizzi acquistabili rientra nel macro settore "Alberghi". Avendo precedentemente creato nel mio database un Macro e un micro settore simile, ma non propriamente identico come denominazione, ho la possibilità di associare i due campi acquistati a quelli del mio database, facendo in modo che le anagrafiche acquistate finiscano nel database in maniera corretta, senza la spiacevole creazione di campi duplicati quali potrebbero essere "Pensioni" e Pensione" oppure "Alberghi" e "hotel" Nella riga successiva, invece, ho pensato di verificare quale fosse la disponibilità di indirizzi acquistabili nel macrosettore "Alimentari - dettaglio" con micro settore "Macellerie", ma mi sono reso conto che non ho ancora due campi simili all'interno del mio database. In questo caso, è necessario spostarsi nella sezione "impostazione database" ed inserire i macro e microsettori desiderati (nominandoli come si ritiene opportuno). Una volta creati, potrò tornare nella pagina di acquisto anagrafiche per effettuare la corretta associazione con i nuovi campi creati. Una volta selezionate le anagrafiche che si intende acquistare è possibile proseguire alla fase successiva, ovvero la targettizzazione geografica dell'acquisto, cliccando su ">>CONTINUA". All'interno della nuova schermata, potrò scegliere se acquistare la anagrafiche selezionate in tutta Italia, solo in alcune ragioni o solo in alcune province. Per effettuare selezioni multiple, sia delle regioni che delle province, è necessario premere su campi appositi tenendo premuto il tasto "Ctrl". Una volta definito il target geografico d'acquisto, posso sapere in tempo reale la quantità di anagrafiche che sto per acquistare, con il relativo costo in crediti Sendero, cliccando sul pulsante "Calcola totale".



Per procedere con l'acquisto delle anagrafiche scelte, è necessario cliccare sul pulsante "Acquista", e il sistema andrà a sincronizzare in questo modo il mio database con i nuovi contatti su cui impostare campagne di comunicazione estremamente profilate. Gli ordini pervenuti verranno serviti entro 2 giorni lavorativi.

gestione-bounce

La gestione dei bounce, ovvero degli indirizzi email che per un motivo o per un altro non hanno ricevuto l'email inviata, avviene a due livelli:

  • Nei singoli rapporti
  • Nella sezione dedicata "Gestione Bounce"

GESTIONE NEI SINGOLI RAPPORTI

Per gestire i bounce a livello di singoli rapporti, è necessario accedere alla sezione RAPPORTI ed accedere al rapporto della campagna specifica sulla quale si vuole effettuare la gestione. Tra le diverse voci disponibili nei rapporti, cliccare su "gestisci" di fianco alla voce "Bounce". Si aprirà una finestra di gestione come in figura:

Da questa finestra potrai:

  • Disabilitare utenti, ovvero inserirli all'interno della lista di indirizzi a cui non verrà inviata nessuna comunicazione successiva.
  • Abilitare gli utenti, ovvero riomuoverli dalla lista dei bounce (operazione effettuata in precedenza).
  • Scaricare la lista dati, ovvero ottenerla per il download su un foglio elettronico.

GESTIONE NELLA SEZIONE DEDICATA

All'interno della sezione GESTIONE DB ---> "Gestione Bounce" è possibile gestire l'intera lista degli indirizzi disabilitati all'interno dei singoli rapporti. In questa sezione, sono messe a disposizione alcune funzionalità e informazioni aggiuntive rispetto a quelle presenti nei singoli rapporti, tra le quali:

  • Gestione distinta per singolo database, B2C, B2B e B2B Potenziali.
  • Numero di volte in cui l'indirizzo ha restituito un "Bounce" nelle ultime 3 campagne: questa informazione è molto preziosa per individuare i cosidetti "Fake Bounce" ovvero quegli indirizzi che non hanno ricevuto la mail per un problema temporaneo (es. casella piena successivmente svuotata).
  • Link per modifica diretta dell'anagrafica, utile nel caos in cui si voglia contattare tutti gli utenti con indirizzo in bounce, per chiedere l'aggiornamento del nuovo indirizzo funzionante.
  • Sistema di filtro, al fine di poter velocemente visualizzare i seguenti segmenti di utenti in bounce:
    1. Tutti gli utenti in Bounce
    2. Tutti gli utenti in bounce che sono stati bloccati
    3. Tutti gli utenti in bounce che devono essere ancora trattati

importazione dati e-commerce

Sendero ti permette di sincronizzare il tuo ecommerce con il database contatti, al fine di poter raffinare le diverse comunicazioni in base a comportamenti d'acquisto. Per farlo è necessario creare dei files .xml che permettano al database di sendero di comunicare con i dati degli utenti che hanno compiuto una determinata azione sul tuo e-commerce. Le variabili previste, che necessiteranno ognuna di un rispettivo file .xml sono le seguenti:

  • Ordini
  • Dettaglio ordini
  • Prodotti
  • Linea prodotti micro
  • Linea prodotti macro
  • Servizi
  • Linea servizi macro
  • Linea servizi micro
  • Offerta
La lista di tutti i files .xml, con la struttura necessaria all'importazione già preimpostata, è possibile scricarli tramite il pulsante "SCARICA I FILES XML PREIMPOSTATI". Vediamo di seguito un esempio pratico di creazione per ognuno di essi:

ORDINI

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>ordini</table>
</commons>
<ordini>
<ordine>
<idOrdine>70</idOrdine>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idCanaleMacro>1</idCanaleMacro>  -------> Fonte Impostazione canali DB Sendero
<idCanaleMicro>2</idCanaleMicro> -------> Fonte Impostazione canali DB Sendero
<data>12/09/2015</data> -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<importo>150</importo> -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idCliente>68</idCliente> -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idOfferta>4</idOfferta> -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
</ordine>
</ordini>
</sincronizza>


DETTAGLIO ORDINI


<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>dettaglio-ordini</table>
</commons>
<ordini>
<dettaglio>
<idDettaglioOrdine>122</idDettaglioOrdine>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idOrdine>70</idOrdine>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idProdotto>345</idProdotto>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idServizio></idServizio>
<quantita>3</quantita>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<prezzo>50</prezzo>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
</dettaglio>
</ordini>
</sincronizza>


PRODOTTI

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>prodotti</table>
</commons>
<prodotti>
<prodotto>
<idProdotto>345</idProdotto>
<descrizione><![CDATA[IPHONE6]]></descrizione>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idLineaProdottoMacro>3</idLineaProdottoMacro> -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idLineaProdottoMicro>13</idLineaProdottoMicro>  -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
</prodotto>
</prodotti>
</sincronizza>


LINEA PRODOTTI MACRO

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>linee-prodotti-macro</table>
</commons>
<linee>
<linea>
<idLineaProdottoMacro>3</idLineaProdottoMacro>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<descrizione><![CDATA[Smartphone]]></descrizione>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
</linea>
</linee>
</sincronizza>


LINEA PRODOTTI MICRO

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>linee-prodotti-micro</table>
</commons>
<linee>
<linea>
<idLineaProdottoMicro>13</idLineaProdottoMicro>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<idLineaProdottoMacro>3</idLineaProdottoMacro>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<descrizione><![CDATA[SMARTPHONE IPHONE]]></descrizione>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
</linea>
</linee>
</sincronizza>


OFFERTE

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<sincronizza>
<commons>
<table>offerte</table>
</commons>
<offerte>
<offerta>
<idOffertaGestionale>4</idOffertaGestionale>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<descrizione><![CDATA[SCONTO 10% PER ORDINI SUPERIORI A €100]]></descrizione>   -------> Fonte Ecommerce/Gestionale
<periodoDa>01/03/2015</periodoDa>
<periodoA>31/03/2015</periodoA>
</offerta>
</offerte>
</sincronizza>

Una volta pronti i files.xml è necessario caricarli su uno spazio web affinchè possano essere sincronizzati con il database di sendero, inserendo l'indirizzo di ognuno all'interno del campo apposito e cliccare infine su SINCRONIZZA:



La procedura sopra spiegata è valida solo per la sincronizzazione di dati non ancora presenti in Sendero. Nel caso in cui, invece, si volesse aggiornare un dato già precedentemente sincronizzato, è necessario utilizzare il form per la sincronizzazione di singole tabelle, accessibile tramite il link in fondo alla pagina.

Offerte Caricate

Questa sezione offre una panoramica di tutte le campagne svolte su Sendero che prevedessero nelle opzioni di targeting, l'utilizzo o meno da parte degli utenti di specifiche offerte fatte in campagne precedenti. Ovviamente, tale report sarà popolato solo nei casi in cui sia avvenuta una sincronizzazione delle offerte svolte tra il tuo gestionale/eccommerce e il database di Sendero. Il report, suddiviso tra B2C e B2B, prevede le seguenti informazioni:

  • Descrizione offerta (es. Sconto 30%)
  • ID gestionale dell'offerta (es. 4)
  • Target obiettivo dell'offerta (es. donne dai 40 anni in sù)
  • Strumento utilizzato per la campagna (es. Email)
  • Obiettivo della campagna (es. Acquisizione clienti)

Esportazione dati

L’esportazione consente di estrarre i dati contenuti in Sendero per poterli analizzare od utilizzare esternamente; verrà creato un file CSV, leggibile come foglio elettronico, che ti permetterà di avere tutti i tuoi dati disponibili in un unico file. Scegli se esportare i dati nella modalità "compatibile Sendero", utile per effettuare backup dei dati mantenendo la piena compatibilità tra esportazione ed importazione, oppure nella "modalità libera" scegliendo tu stesso i campi da esportare.

Sistema di cancellazione degli utenti dal database

In tutte le email inviate ai destinatari del tuo database, è presente nel footer dell'email un link per richiedere la cancellazione dal database di Sendero. Le richieste di disiscrizione pervenute possono essere gestite dall'amministratore in maniera differente, a seconda che provengano dal database degli utenti B2C/B2B, piuttosto che dal database delle aziende potenziali.

DISISCRIZIONE UTENTI DAL DATABASE AZIENDE POTENZIALI

Ogni qualvolta il sistema rileva una richiesta di disiscrizione dal database delle aziende potenziali, al momento del log in sulla piattaforma si aprirà un pop up automatico con l'interfaccia per la gestione delle disiscrizioni. Le opzioni a disposizione dell'amministraotore di sistema sono le seguenti:

SUGGERIMENTO:
Nel caso delle aziende potenziali (a differenza dei contatti B2C/B2B come vedremo fra poco ) il sistema rimarrà inutilizzabile finchè non avrai deciso come trattare il dato dal quale è pervenuta la richiesta di cancellazione. Sendero ha deciso di inserire queste restrizione per proteggerti dall'uso improprio di questa tipologia di dati, che sono trattati molto severamente dalla legge italiana sulla privacy.
  • Scongela selezionati:: con questa opzione l'amministratore decide di non prendere in considerazione la richiesta di cancellazione degli utenti, facendo in modo che essi possano continuare a ricevere le future comunicazioni svolte con Sendero.

    SUGGERIMENTO:
    Ti consigliamo di prendere in considerazione questa ipotesi solo ed esclusivamente se ritieni che l'utente possa aver commesso un errore nel richiedere la cancellazione del database. In caso contrario dovresti scegliere di gestire la richiesta con una delle successiva opzioni di trattamento del dato
  • Blocca selezionati: Con questa opzione decidi di inibire l'invio di email e SMS agli utenti selezionati, lasciando però i dati relativi all'utente all'interno del nel database. Questa opzione è stata pensata per ovviare al problema del reinserimento nel database di utenti disiscritti. L'eliminazione fisica del contatto dal database, infatti, avrebbe aumentato il rischio di reimportare l'utente stesso da una fonte dati esterna, quale ad esempio il gestionale aziendale.
  • Scarica lista dati: Con questa opzione decidi di scaricare la lista delle richieste di disiscrizione pervenute dagli utenti del tuo database in formato .csv

    SUGGERIMENTO:
    • Queste opzione potrà risultare molto utile nel caso in cui sia necessario aggiornare anche il tuo gestionale, eliminando le aziende che dovrai successivamente eliminare dal database di Sendero.
    • Ricorda che spesso l'opzione migliore sarà quella di scaricare la lista completa prima di bloccare i contatti nel database di Sendero.
DISISCRIZIONE UTENTI DAL DATABASE B2C/B2B

A differenza delle richieste di disiscrizione pervenute dal database delle aziende potenziali, nelle richieste B2B/B2C in fase di disiscrizione verrà richiesto all'utente da quale strumento di comunicazione intende cancellarsi, ovvero email, sms o posta cartacea. Al momento del log in su Sendero, non si aprirà un pop up automatico come nel caso delle Aziende potenziali, ma potrai gestire in qualsiasi momento questa tipologia di disiscrizioni tramite l'apposita scheda del menù di sinistra RICHIESTE CANCELLAZIONI. Vediamo le tre opzioni disponibili con l'ausilio di un esempio:

Esempio:

L'utente X durante la richiesta di cancellazione ha manifestato la volontà di non ricevere più comunicazioni via SMS. Di fronte a tale richiesta puoi decidere di agire nei seguenti modi:

  • Puoi decidere di non intervenire sulle richieste di cancellazione, lasciando gestire gli l'utente al sistema. In questo caso il sistema avendo precedentemente registrato la richiesta, non inserirà l'utente in successivi target di campagne SMS, ma lo utilizzerà nei target facenti riferimento a campagne email o di posta.
  • Puoi selezionare l'opzione Scongela selezionati, che ti permetterà di non accogliere la richiesta del'utente, continuando ad inserirlo nel target di future campagne SMS.

    SUGGERIMENTO:
    Ti consigliamo, a meno che tu non sia certo che la richiesta di disiscrizione sia frutto di un errore, di lasciare gestire gli utenti al sistema.
  • Puoi selezionare Blocca selezionati: Con questa opzione, allo stesso modo delle aziende potenziali, decidi di inibire l'invio di email e SMS agli utenti.

  • Puoi selezionare Scarica lista dati: Questa opzione, allo stesso modo delle aziende potenziali, può risultare utile quando è necessario aggiornare il proprio gestionale con l'eliminazione dei contatti che hanno richiesto la disiscrizione.

    SUGGERIMENTO:
    Ricordati che la reimportazione di un utente "taggato" dal sistema come non più idoneo a ricevere campagne email, sms o di posta, comporterà la sua sovrascrittura, reintegrandolo come utente target di campagne per le quali aveva richiesto la disiscrizione. Ti consigliamo quindi di eliminarlo sempre dal tuo database nel caso in cui tu abbia deciso di lasciar gestire la disiscrizione degli utenti al sistema.